Terex, l'etica dell'ipocrisia! 11-03-2009

Guarda tutti i video dal canale di "terexcusano" su youtube

Guarda tutti i video dal canale di "terexcusano" su youtube
clicca il logo

Cassa Di Resistenza

Cassa Di Resistenza
Se ti identifichi in un percorso di lotta come il nostro sostieni la causa, dai il tuo contributo alla Cassa di Resistenza: Carlo Alberto: 4023 6005 5178 6587

giovedì 24 dicembre 2009

AUGURI DI BUON NATALE



Un Augurio di Buon Natale da parte di tutti i lavoratori cassaintegrati della Terex/comedil, con la speranza che l'anno che verrà porti gioia e serenità in ogni famiglia e soprattutto...un lavoro!


BUON NATALE

sabato 3 ottobre 2009

ADDIO, GIUSEPPE.

Ci ha lasciato anche il nostro compagno Giuseppe Schiavello che vogliamo ricordare come persona buona, onesta, generosa e sempre disponibile ad ascoltare e dare buoni consigli ai più giovani.
Anche lui come Mario ha lottato contro la malattia che l'ha colpito perdendo la sua battaglia.
Ciao Giuseppe

lunedì 13 luglio 2009

CALA IL SIPARIO!



Chiude definitivamente la storica fabbrica che, dal 1927 sotto il nome di Ferro spa produce gru, acquisita poi nel 2001 dalla Multinazionale Terex/Comedil di Fontanafredda.
Le foto pubblicate sul blog da noi lavoratori parlano da sole, una fabbrica a pieno ritmo di produzione ove suoni di martelli, mole, muletti facevano da sottofondo e ravvivavano le otto ore della giornata lavorativa ora non sono più udibili, solo il silenzio da ora in poi animerà le giornate di questa storica fabbrica.
Con la sua cessazione altre unità produttive che collaboravano con lei soffriranno.
Ringraziamo tutti coloro che hanno seguito costantemente il Blog (Fontanafredda compresa!) e hanno sostenuto la lotta.
I lettori del Blog saranno costantemente informati su eventuali novità; per qualsiasi informazione contattateci.



Un saluto dai lavoratori di Cusano Milanino.

mercoledì 20 maggio 2009

giovedì 14 maggio 2009

Polo logistico sull'area Terex Comedil


clicca l'immagine per ingrandire

Fine?...


clicca l'immagine per ingrandirla





clicca le foto per ingrandirle

I lavoratori della Terex/comedil di Cusano Milanino doverosamente ringraziano la Protezione Civile e il Comune per quanto fatto in questi mesi di lotta! Grazie.

mercoledì 6 maggio 2009

Telegramma del Sindaco di Cusano Milanino Lino Volpato

Abbiamo invitato Terex ad un nuovo incontro presso il Comune di Cusano Milanino per cercare in extremis un accordo, ecco il testo del telegramma:
"Verificata oggi 4 maggio 2009 la disponibilità delle rappresentanze sindacali della Terex-Comedil a trovare un nuovo punto d’accordo tra le esigenze dei lavoratori e quelle dell’azienda, che scongiuri il licenziamento di 47 lavoratori e che consenta di dare una prospettiva produttiva allo stabilimento di Cusano Milanino, il Comune di Cusano di Milanino in accordo con la Provincia di Milano vi invita ad un incontro con le rappresentanze sindacali e le istituzioni, da tenersi quanto prima.
Vi sottoponiamo a tal proposito la disponibilità di lunedì 11 maggio alle 14,30, presso il Comune di Cusano Milanino o in altra sede da voi indicata.
Disponibili a verificare altre date e luoghi, attendiamo vostra cortese risposta.
Lino Volpato
Sindaco di Cusano Milanino"

martedì 5 maggio 2009

Addio Mario.



Nella notte del 05 maggio 2009 dopo una lunga malattia, ci ha lasciato un nostro compagno, Mario Dominici. Lo salutiamo con onore ricordandolo per la tenacia con la quale sino a oggi ha combattuto per la vita e per i propri diritti.
Ciao Mario.

LAVORATORI SULL'ORLO DEL LICENZIAMENTO ALLA TEREX COMEDIL DI CUSANO MILANINO

Da oggi i circa 50 lavoratori della Comedil di Cusano Milanino guardano il loro futuro con crescente apprensione. Da un momento all'altro possono vedersi recapitare a casa una lettera di licenziamento. E' infatti scaduto il termine per concordare una via di uscita alternativa alla chiusura dello stabilimento, dove si fabbricano gru per l'edilizia, decisa dalla multinazionale americana Terex proprietaria dell'azienda per spostare armi e bagagli da Cusano a un altro stabilimento in Friuli. Non è che manchino ordini o che la produzione sia obsoleta, anzi: le gru della Comedil sono tecnologicamente all'avanguardia e avrebbero un mercato. Purtroppo c'è la crisi e anche l'edilizia è andata in sofferenza. I conti finanziari della Terex ne hanno risentito e allora, per rimetterli in ordine, che si fa? Si chiude e si lasciano a casa i lavoratori. In barba a quel che dice Obama, che va bene in America, ma qui siamo in Italia e un'azienda americana non ha l'obbligo di mostrarsi patriottica. Il grido d'allarme dei lavoratori e dei sindacati è stato lanciato questa mattina in una conferenza stampa davanti ai cancelli della fabbrica. Vi hanno preso parte anche rappresentanti delle istituzioni e dei partiti del centrosinistra, tra i quali il sindaco di Cusano e il senatore del Pd Luigi Vimercati. Assenti i partiti del centrodestra, ma la campagna elettorale (a Cusano si voterà per eleggere il sindaco) non è ancora entrata nel vivo. Non pervenuta la Regione Lombardia. Ribadito il concetto che dalla crisi si esce tenendo aperta la Comedil, anche con qualche sacrificio dei lavoratori. Disposti pure a sopportare due anni di cassa integrazione per consentire la riorganizzazione aziendale e ad andare a lavorare gratis in Abruzzo, dove per la ricostruzione le gru fabbricate a Cusano potrebbero fare davvero comodo. Urge però premere sul Governo affinché si apra subito a Roma un tavolo di confronto sul futuro dell'azienda, al quale portare il management della Terex per farlo ragionare smuovendolo dalla sua sorda testardaggine. E a tal fine un'interrogazione parlamentare mirata sarà spedita da Vimercati all'Esecutivo a stretto giro di posta.





Anche su youtube: http://www.youtube.com/watch?v=dvaOASvOkmw

Interrogazione al Governo


Clicca l'immagine per ingrandirla

venerdì 1 maggio 2009

giovedì 30 aprile 2009

mercoledì 29 aprile 2009

Iniziativa degli operai della Terex/comedil di Cusano Milanino con l'appoggio del Comune a sostegno dei terremotati

Cari lettori, di seguito riportiamo la lettera inviata dal Comune di Cusano Milanino ai vertici aziendali a sostegno dell' iniziativa degli operai a favore dei terremotati:


Cusano Milanino, 27-4-2009

Vi scriviamo in riferimento agli ultimi accadimenti delle trattative in corso con le rappresentanze sindacali dei lavoratori alle Vostre dipendenze, con il profondo rammarico per l'interruzione registratasi nella notte di venerdì 24 c.m.

Crediamo opportuno rimarcare che ogni cessazione di attività sul territorio comunale in questo particolare momento, contribuisca a impoverire il tessuto operativo e produttivo e nel contempo leda anche la stabilità e la coesione sociale, a partire dalle stesse famiglie di questi lavoratori oggi espropriati di un lavoro che significa dignità, condivisione di impegni, strumento di partecipazione e possibilità di miglioramento per sé e le proprie famiglie.

Pur nella difficile situazione in cui oggi si trovano, questi lavoratori che hanno già collaudato la propria solidarietà nelle iniziative di sostegno e raccolta fondi condivise con i lavoratori di altri siti limitrofi, ugualmente colpiti dall'effetto domino di questa "crisi economica", hanno ritenuto di esternare un pensiero di solidarietà con le popolazioni colpite dal sisma in Abruzzo. Queste persone hanno provato anche a immaginare quale "ponte ideale" con la proprietà di Terex Comedil, un'azione congiunta e condivisa che possa mettere a disposizione, alcune gru ancora giacenti nello spazio di rimessaggio aziendale, per la ricostruzione del dopo terremoto, proponendone un assemblaggio da loro fornito con carattere di gratuità e solidarietà.

Anche noi come Amministratori sensibili ai modelli imprenditoriali di sviluppo sostenibile per il territorio, proviamo ad immaginare che possiate riprendere i contatti con i lavoratori affinchè questa triste vicenda possa avere un epilogo dignitoso e soddisfacente per le parti in causa.

Distinti saluti.


IL SINDACO

Lino Volpato

L'ASSESSORE ALLE ATTIVITA' PRODUTTIVE

Gianluca Santi


domenica 26 aprile 2009

THE BOSS & THE KILLERS

Grazie Terex,Grazie Comedil,Grazie Ron,Grazie Martina,Grazie Mara,Buon Natale anche a voi!

Terex/Comedil La solidarietà non ha confini

"......Ma veniamo ai fatti. Lo scorso 16 dicembre, dopo un estenuante periodo di difficoltà e trattative,45 lavoratori della Terex/Comedil, hanno ricevuto una lettera di licenziamento.
La Terex/Comedil produce gru per l’edilizia da circa 75 anni, da quando fu fondata nel 1927 con il nome di Ferro Spa. Passata nel 2001 a fare parte della multinazionale americana 
Terex Corporation, in cui tre anni prima era confluita la Comedil portando in dote lo stabilimento di Fontanafredda a Pordenone, l’azienda in questi 8 anni ha prodotto 3250 gru, con una flessione nelle vendite di oltre il 50% solo nel 2008, a fronte di una produzione che dal 2001 al 2007 è però più che raddoppiata, passando da 246 a 563 gru annue, con indubbi profitti per la proprietà....."
continua

Un milione alle famiglie in crisi per mutui, tasse, scuola e sanità

Un milione alle famiglie in crisi per mutui, tasse, scuola e sanità

«Un interrogativo mi tormenta: io, come arcivescovo di Milano che cosa posso fare?». Deve essersi posto a lungo, nei giorni precedenti Natale, questa domanda, il cardinale Dionigi Tettamanzi......continua
L'articolo completo della giornalista di Repubblica Zita Dazzi è qui.


Milano, la social card di Tettamanzi Un milione per chi perde il lavoro

Milano, la social card di Tettamanzi Un milione per chi perde il lavoro

MILANO - Un milione di euro per integrare il reddito dei disoccupati, dei cassintegrati e dei lavoratori per i quali si profila il licenziamento. Con un gesto a sorpresa, deciso durante i preparativi per le celebrazioni natalizie, l' arcivescovo di Milano Dionigi Tettamanzi lancia un «fondo famiglia-lavoro». L' annuncio, nella messa solenne in Duomo, il 24 notte. L' obiettivo è aiutare concretamente le famiglie della diocesi ambrosiana, la più grande del mondo, che si estende su un territorio molto colpito dalla crisi economica, con 180mila persone che rischiano di perdere il posto. Una mossa che non ha precedenti nella storia della Chiesa italiana e che ha spiazzato persino i più stretti collaboratori del cardinale, ignari fino all' ultimo di questa decisione.........continua